Skip to Content

mobile icon menu
Eventi
mobile icon menu
Contatti
mobile icon menu
Newsletter
icon menu
Eventi
icon menu
Contatti
icon menu
Newsletter

Tag Archives:: Scuola

Corso a Matera: Il Caviardage nella pratica didattica: 8 e 9 Ottobre

caviardage-per-insegnanti-matera4

IL METODO CAVIARDAGE, cercare la poesia nascosta.
Da pratica personale a metodo didattico per la scuola.
Laboratorio teorico-pratico.

SABATO 8 ottobre 2016
DOMENICA 9 ottobre 2016
ORE 15,30-18,30

Condotto da Tina Festa, creatrice del Metodo.
Antonella Andrisani e Nunzio Di Lena, formatori in Metodo Caviardage

Il laboratorio si articola in due incontri.
Nel primo si conoscerà il Metodo, la storia e filosofia e la tecnica di base con delle piccole varianti.
Nel secondo incontro oltre a sperimentare altre tecniche si apprenderà come proporre le attività a scuola.

DESTINATARI

Il laboratorio è aperto a tutti ma è particolarmente rivolto in questa occasione a educatori, maestre e insegnanti che vogliono apprendere delle nuove tecniche di scrittura creativa da utilizzare nella didattica e all’interno di percorsi scolastici con bambini e ragazzi.

QUANDO?
SABATO 8 ottobre 2016
DOMENICA 9 ottobre 2016

A CHE ORA ?
dalle ore 15,30 alle ore 18,30 (con pausa tè)

Costo: euro 80,00 (iva compresa) – materiali inclusi

MIN 4 MAX 8 PARTECIPANTI

MODALITA’ DI ISCRIZIONE AI CORSI
Inviare una email a metodocaviardage@gmail.com
con oggetto: corso Caviardage per docenti – Matera
Si darà priorità alle domande di iscrizione tenendo conto dell’ordine di arrivo delle stesse, fino a esaurimento posti.
L’iscrizione si intende avvenuta alla ricezione della mail di conferma

LUOGO:
Studio d’arte Festa – Viale N. Festa, 3
MATERA
Qualora le iscrizioni superassero le 8 unità il corso sarà condotto in un luogo diverso.

APPROFONDIMENTO:
Il Metodo Caviardage racchiude diverse tecniche di scrittura creativa poetica che aiutano a scrivere poesie e pensieri non partendo da una pagina bianca ma da testi già̀ scritti: pagine strappate da libri da macero, articoli di giornali e riviste, ma anche testi in formato digitale.

La tecnica di base si contamina con svariate tecniche artistiche espressive (quali il collage, la pittura, l’acquarello, etc.) per dar vita a poesie visive: piccoli capolavori che attraverso parole, segni e colori danno voce a emozioni difficili da esprimere nel quotidiano.

Il Metodo può essere utilizzato per sè stessi, come pratica di benessere, all’interno di percorsi scolastici, per attività artistiche o di intrattenimento ludico-espressivo e in ambiti terapeutici come in arteterapia e counseling.

Il Metodo didattico è stato creato ed è diffuso in Italia da Tina Festa e viene utilizzato da insegnanti nelle proprie classi o da formatori certificati che, in qualità di esperti esterni, propongono laboratori singoli o corsi in scuole di ogni ordine e grado a partire dalla Scuola Primaria, in ateliers, biblioteche e librerie, in associazioni e dovunque si voglia creare un evento legato alla scrittura creativa poetica.

Il Metodo didattico del Caviardage è stato premiato dalla Fondazione Amiotti nel progetto 2015 “Didattica del Fare – Fare per Includere”.

A fine corso verrà rilasciato attestato di partecipazione.
Si specifica che il soggetto proponente NON è soggetto accreditato dal Miur.

Esperienza di Caviardage e Cut up nella scuola. Memi di Troia

12694547_812363468893258_1109178814472660474_o

LA VITA INSEGNA OGNI GIORNO AL CUORE.

Esperienza di Caviardage e Cut up nella scuola.

A cura dell’ ins. Memi Di Troia

Classi I e II E – Scuola Media – I.C. “Giovanni Pascoli”  – Matera.

 

12719110_812365055559766_4146087634056148130_o

Ricercare la poesia nascosta.

Risvegliare la creatività.

Connettere visibile e invisibile.

Scoprire l’utilità dell’inutile.

 

L’apprendimento delle tecniche di scrittura creativa poetica, presentate nelle classi prima e seconda E, ha attraversato varie fasi.
Nuovo Presentazione di Microsoft PowerPoint

12711070_812363308893274_2752186567112957520_oLe difficoltà: reperire libri vecchi; tirare via una pagina senza romperla; distaccarsi dall’argomento del testo; rispettare i tempi; riflettere in solitudine; creare.

Materiale: libri da macero, vecchi, già letti, mai letti, matite, pennarelli.

Contravvenendo a tutte le regole gli alunni hanno confrontato le pagine tra loro, leggendo al compagno le frasi che più li colpivano, ridendo e sghignazzando. Nella prima fase hanno semplicemente tentato di schematizzare l’argomento. Dopo fiumi di parole… qualcuno ha avviato il motore del libero pensiero.

12697192_812363835559888_5414985217572753021_oIl Caviardage rende tutti uguali. Senza competizione viene fuori l’impensabile. “Vengono fuori tutti”. E li leggi sotto un’altra luce.

Obiettivi raggiunti:

“prendersi del tempo” (cit. Claudia Buda), leggere con attenzione, concentrarsi, scegliere con consapevolezza, selezionare in relazione al vissuto, ai propri sogni e desideri, ricreare un testo, esprimere emozioni, liberare pensieri nascosti, collegare parole fluttuanti in un percorso di senso.

 

Nuovo Presentazione di Microsoft PowerPoint

CUT UP
“If you put 3-4 disassociated ideas together and create awkward relationships with them the unconscious intelligence that comes on those paring is really startling”. (David Bowie)

Le perplessità del Caviardage, hanno reso più agevole il percorso del Cut up.

12698127_812365002226438_8945964644922491409_oTema: L’amicizia.
A parte la diffidenza iniziale di chi credeva dovesse scrivere un testo da sottoporre a giudizio, lo “Stream of consciousness” è stato un lavoro più naturale.
Qualcuno indugiava, scherzava, prendeva tempo. Altri, invece, di getto hanno riempito la pagina di pensieri fluidi dando spazio, alla loro “voce interiore”. Perché se è vero che “i nostri pensieri ci sembrano confusi e senza senso, la poesia è dentro di noi”. (Tina Festa)

12710718_812363368893268_7450754422294410633_oIn una scuola sempre più digitale “ l’autenticità del vissuto emozionale di un insegnante, passa attraverso il grado zero della trasmissione didattica, quasi per “osmosi verbale”. (Roberto Contu)

Non smettiamo di parlare con loro…mai.

Grazie

Memi Di Troia