Skip to Content

mobile icon menu
Eventi
mobile icon menu
Contatti
mobile icon menu
Newsletter
icon menu
Eventi
icon menu
Contatti
icon menu
Newsletter

Tag Archives:: Tina Festa

IX Corso di Certificazione Metodo Caviardage® Agosto 2018 – Matera

IX CORSO INTENSIVO DI CERTIFICAZIONE PER
INSEGNANTI IN METODOLOGIA CAVIARDAGE®
Edizione Straordinaria
24 – 26 AGOSTO 2018 – MATERA

c/o Casa per Ferie Sant’Anna – via Lanera 14, Matera

IL CORSO INTENSIVO DI CERTIFICAZIONE IN METODO CAVIARDAGE

Tre giorni di incontri e laboratori esperienziali per apprendere le tecniche di scrittura creativa poetica che sono alla base del Metodo Caviardage.
Il Corso Intensivo di Certificazione è stato creato affinché i nuovi Insegnanti Certificati possano comprendere la filosofia del Metodo Caviardage direttamente da chi lo ha creato per poi trasferirne in maniera corretta e completa il processo e le tecniche apprese.

In un Metodo non ci sono solo tecniche ma anche storia, ricerche, ragioni, filosofia e principi. Una volta appresi questi elementi, in un contesto che favorisce la condivisione e la sperimentazione libera, sarà possibile creare percorsi laboratoriali dedicati al Metodo Caviardage nei luoghi in cui si opera.

Ai partecipanti verrà rilasciato un diploma/certificazione ufficiale che conferisce la qualifica di Insegnante in Metodologia Caviardage®.

La certificazione autorizza l’esercizio del Metodo Caviardage® all’interno di corsi, progetti, eventi e laboratori BASE e consente di accedere ai Corsi di Specializzazione per Formatori Leader (previa partecipazione ai corsi di I Livello)

LUOGO

Il corso si terrà a Matera presso la Casa per Ferie Sant’Anna che ci ha già ospitato in passate edizioni.

DURATA DEL CORSO INTENSIVO DI CERTIFICAZIONE INTENSIVO : tre giorni (24 ore)

24 Agosto : ore 9,30 – 13,00 ; 15,00 – 19,00
25 Agosto : ore 9,00 – 13,00 ; 15,00 – 19,00
26 Agosto: ore 9,00 – 13,00 ; 15,00 – 19,00

PREREQUISITI per l’iscrizione al Corso Intensivo di Certificazione sono:
– aver frequentato un Corso Base tenuto da un insegnante certificato MC
– aver letto e acquistato il libro “Caviardage, il Metodo. Cercare la poesia nascosta” di Tina Festa, edito da Altrimedia Edizioni (il libro attualmente è fuori commercio e può essere acquistato contestualmente alla iscrizione al corso)
– aver fatto pratica personale del Metodo Caviardage®

COME ISCRIVERSI?

Inviare una email a certificazione@metodocaviardage.it con la richiesta di partecipazione.

Vi daremo conferma di disponibilità del posto e vi invieremo scheda di iscrizione e questionario conoscitivo da compilare e un facsimile dell’Accordo di Intenti che, in qualità di Insegnanti Certificati dovrete sottoscrivere con Tina Festa a conclusione del Corso Intensivo di Certificazione per poter ottenere il titolo e la qualifica di Insegnanti Certificati e ricevere relativo attestato (la sottoscrizione dell’Accordo è necessaria e obbligatoria per l’ottenimento del titolo di Insegnante Certificato e del relativo attestato)

Per esigenze logistiche, le iscrizioni verranno chiuse il 15 Giugno 2018 o a raggiungimento del numero massimo di partecipanti previsto.

COSTI

La quota di partecipazione al Corso Intensivo di Certificazione ammonta a € 500 + Iva (€ 610 Iva inclusa).
La quota è comprensiva di materiali didattici e artistici, attestato ufficiale, tessera di iscrizione all’Associazione “Il Segno e la Parola” per l’anno 2018, coffe break per le tre giornate del corso.

E’ obbligo, per poter partecipare al Corso di Certificazione, versare la quota di iscrizione di € 65,00 all’atto della prenotazione (entro e non oltre 7 giorni dalla ricezione della mail di conferma disponibilità posto da parte della Segreteria MC), ed il saldo entro e non oltre il 15 Giugno 2018.
Il vitto, l’alloggio e le spese di viaggio sono a carico dell’allievo.

Chi si iscrive al Corso di Certificazione e lo paga in unica soluzione all’atto dell’iscrizione potrà in omaggio i buoni pasto per i tre giorni del corso.

PRESENTAZIONE

L’offerta formativa si compone di diversi percorsi laboratoriali dedicati sia al Metodo Caviardage che ad altre tecniche di Found Poetry e alla contaminazione tra Metodo Caviardage ed altri Metodi, movimenti artistici o altre forme di arte.

Il Corso Intensivo di Certificazione darà modo ai partecipanti di approfondire la conoscenza del processo che è alla base del Metodo Caviardage sia dal punto di vista teorico che pratico e fornirà le informazioni necessarie per poter proporre corsi e laboratori di base con il Metodo Caviardage.
Lo spirito di fondo che animerà il Corso Intensivo di Certificazione è quello di promuovere l’esperienza diretta per mezzo di attività concrete. I laboratori, diventeranno il luogo in cui si costruisce il sapere attraverso il fare: uno spazio dove sviluppare la capacità di osservare con gli occhi e con le mani, insieme. Si consiglia di indossare abiti comodi

CHI CONDUCE?

I laboratori saranno condotti da Tina Festa, creatrice del Metodo.

Nel Corso Intensivo di Certificazione vi saranno i contributi di docenti, artisti e Insegnanti certificati che hanno sperimentato ed utilizzano il Metodo Caviardage.

POSTI LIMITATI

Si darà priorità alle domande di iscrizione tenendo conto dell’ordine di arrivo delle stesse.

ATTENZIONE: se hai partita iva il versamento dell’anticipo deve avvenire dopo l’invio della fattura!

Per avere ulteriori informazioni non esitare a contattarci scrivendo una mail a:
certificazione@metodocaviardage.it

TINA FESTA
3358185461 (ore 16 -20 sabato e domenica)

Segreteria :
ANTONELLA ANDRISANI 3496787201

DOVE ALLOGGIARE: il luogo che ci ospita è la Casa di Spiritualità Sant’Anna.
http://www.santannamatera.it/

Se non vi è disponibilità di alloggio presso la sede del corso, ti aiutiamo a cercare altro nei paraggi.

Pranza con noi!

Ad ogni corso organizziamo per il pranzo un breve momento di convivialità che è bello condividere insieme.
È un opzione facoltativa, potrai, se preferisci, organizzarti in modo indipendente.
Il pranzo consta in genere di una portata leggera vegetariana, acqua, frutta, caffè e il costo è di 12,00 Euro iva inclusa a persona.
Se desideri unirti a noi scegli l’opzione nella scheda di iscrizione. e paga i pasti in loco.

Cosa portare con te?

L’aula sarà dotata di comodi banchi. A carta e penna e materiali creativi provvederemo noi.
Porta:

– il libro sul Metodo caviardage;
– i lavori realizzati: non avere timore a mostrarli!
Considera che il corso è molto pratico e fa davvero la differenza poter svolgere esercitazioni insieme a chi ha creato il Metodo e ad insegnaiìnti certificati! Pertando non avere timore di mostrare i tuoi lavori anche se fatti in modo incerto!
– una mente fresca e riposata (se devi fare un lungo viaggio ti consigliamo di arrivare la sera prima perchè sarà una giornata piacevole, ma molto intensa).
– abiti comodi

Durante il seminario vi saranno dei coffee break: quello del mattino è offerto da noi; per la pausa del pomeriggio, come da tradizione, condividiamo prodotti tipici (dolci o salati che non hanno bisogno di essere conservati in frigo una volta aperti) portati dai corsisti dal proprio luogo di origine.

ATTENZIONE: se non ne fai ancora parte, ti invitiamo ad unirti al gruppo Facebook dei partecipanti alla VIII edizione del Corso Intensivo di Certificazione per Insegnanti in Metodologia Caviardage: https://www.facebook.com/groups/777929652330573/?ref=group_header.
In questo modo, se vorrai, potrai interagire con gli altri partecipanti su diverse questioni e noi potremo avvisarti in tempo reale su eventuali novità. Se non possiedi un profilo Facebook, ci faremo portavoce delle tue richieste.

Rubrica Perle di carta – a cura di Mella Sciancalepore

Gocce di Speranza – Luigi Pirandello
Premio Metodo Caviardage di Tina Festa

È un sogno collettivo questo libro che raccoglie i Caviardage creati da artisti, formatori, alunni di diverse scuole. Insieme hanno dato vita a un’opera unica nel suo genere: cinque racconti di Luigi Pirandello con “caviardage a fronte” per offrire accanto al testo originale di un grande autore della nostra Letteratura un’altra possibilità di lettura e interpretazione, in chiave poetica. E così alcune delle famose “Novelle per un anno” (Il pipistrello, La patente, Il treno ha fischiato, Marsina stretta, Tu ridi) prendono vita attraverso le poesie visive create con il Metodo Caviardage di Tina Festa. Il risultato è davvero interessante. Il libro è importante oltretutto per due aspetti. Il volume raccoglie, infatti, gli elaborati inviati per il Premio Found Poetry 2017 con all’interno una categoria dedicata esclusivamente al Caviardage ed è la prima volta che accade. Si tratta di più di 50 autori e di altrettante opere, ed è impossibile nominarli tutti.

Quello che conta, come scrive Tina Festa nella prefazione a Gocce di Speranza è che si tratta di “una grande occasione per noi partigiani della bellezza di rinnovare il gesto del dono”. Si riferisce all’altro elemento che rende speciale questo libro giacché i proventi della vendita sono destinati alle popolazioni di Amatrice e Accumuli drammaticamente colpite dal sisma nell’agosto del 2016.

Bellezza, condivisione, gratuità sono le parole chiave della filosofia del Metodo Caviardage e le ritroviamo tutte in questo libro. Basta sfogliare Gocce di Speranza per rendersi conto delle diverse anime che lo compongono. Ogni pagina trattata con il Metodo Caviardage è un’opera unica e originale, una poesia visiva che coinvolge i sensi. E hanno pari dignità la poesia del bambino e quella dell’artista, quella del formatore esperto e quella di chi vi si approccia per la prima volta perché ciascuno ha tirato fuori le proprie emozioni e ha provato a renderle al meglio. Diventa questo libro quasi un prontuario delle diverse tecniche utilizzabili e può essere utile anche per dare l’idea della ricchezza del Metodo Caviardage e di chi lo pratica. Spiace solo che alcuni lavori nati a colori perdano un po’ della loro incisività nella stampa in bianco e nero e andrebbe migliorata la leggibilità dei caratteri della copertina ma sono particolari che si perdonano volentieri a un progetto ambizioso e generoso come quello promosso dalla casa editrice Amarganta.

In definitiva con questo libro vi fate un doppio regalo perché da una parte ci sono le novelle intramontabili di Pirandello, sembre belle da rileggere, dall’altra le poesie visive di chi, interpretandole in chiave moderna, si è cimentato in questa sfida. Senza dimenticare il regalo più grande, quello che, acquistandolo, farete alla persone colpite dal terremoto che ha devastato Amatrice e Accumuli.

Potete acquistarlo su Amazon o attraverso il sito della casa editrice https://associazioneamarganta.wordpress.com /

15 ottobre 2009 – il primo lavoro di caviardage

15 ottobre 2009 – il primo lavoro di caviardage

15 ottobre 2017 – prima giornata del Metodo Caviardage

Oggi è la giornata del Metodo Caviardage. Anche io voglio dare il mio contributo, ma sotto altra forma: raccontandovi la nascita del primo lavoro.

Nel 2009 vivevo un momento particolare della mia vita, avevo perso il mio primo ed unico bimbo e mi era stato comunicato che non avrei potuto vivere la gioia della maternità.

Cercavo di portare avanti la mia vita impegnandomi nel lavoro come insegnante,  con grande passione conducevo  laboratori di arte e benessere e cercavo in tuti i modi di riempire le mie giornate, per non pensare.

Ma io non riuscivo a star bene. E inoltre non riuscivo a trovare le parole per comunicare quello che vivevo: sentivo un vuoto immenso, avevo vissuto un trauma che non riuscivo a superare emotivamente seppure sembrava che io lo avessi accettato.
Un dolore sordo, lancinante, continuo mi teneva stretta e non mi lasciava.

Come esprimere quel dolore? Come tirare fuori quel male che implodeva e mi straziava? Come ritrovare il gusto della vita?

Richiamavo alla mente spesso una voce ed un messaggio che ascoltavo negli spot televisivi: quella di Tonino Guerra che a braccia larghe incitava a sentire il profumo della vita, a vivere con ottimismo.

Era un richiamo che non riuscivo ad ignorare, uno sguardo sulla vita e sul mondo che dovevo tornare ad allenare affinchè si aprisse alla Bellezza, alla natura ed alla vita: così è nato il primo lavoro di Caviardage “Come le farfalle”.

 

C’è una cosa che resiste: è la Bellezza – Tonino Guerra.

Il lavoro aveva le dimensioni di una cartolina, perché in quel periodo mi dedicavo all’arte postale.

La tecnica è quella del caviardage con cancellatura creativa e collage. Il processo del Metodo Caviardage era in nuce e sarebbe poi venuto fuori via via con la sperimentazione personale e i numerosi laboratori condotti tra il 2009 e il 2014 (data ufficiale della nascita del Metodo Caviardage)

Ho donato questo mio primo lavoro alla curatrice di una mostra dedicata a Tonino Guerra che si è tenuta a Matera. E’ così per la gran parte dei miei lavori, sono liberati e liberi di continuare la loro vita altrove e parlare ad altri. Ed è così per la giornata dedicata al Metodo Caviardage, la poesia e la Bellezza in essa contenuta che è il pensiero che nasce dal cuore è donata ad altri.

Quando si dona i frutti, inaspettati, arrivano copiosi! E così è stato.
L’Universo è generoso con chi dona, con gratidudine, perchè donare è già di per sè un gesto per cui si deve rendere grazie.

Ho creato il mio primo caviardage il 15 Ottobre.  E’ la stessa data scelta per la giornata dedicata al Metodo Caviardage e alla Bellezza.

In questa data (non a caso) ricade anche la giornata internazionale per la perdita in gravidanza.

Tina

VI Seminario per formatori in Metodo Caviardage: al via le iscrizioni!

seminario-caviardage-gennaio-2017

 

SEMINARIO INTENSIVO PER FORMATORI CAVIARDAGE

VI EDIZIONE

Matera 3-5 Gennaio 2017
“IL METODO CAVIARDAGE: cercare la poesia nascosta”

Quattro giorni di incontri e laboratori esperienziali per apprendere le tecniche di scrittura creativa poetica che sono alla base del Metodo Caviardage.

Sono aperte le iscrizioni per il

VI Seminario dedicato ai formatori in metodologia Caviardage.

Tre giorni  di incontri e laboratori esperienziali per apprendere le tecniche di scrittura creativa poetica che sono alla base del Metodo Caviardage.
Il seminario è stato creato affinchè i nuovi formatori possano comprendere la filosofia del Metodo Caviardage direttamente da chi lo ha creato per poi trasferire in maniera corretta e completa le tecniche apprese.

In un Metodo non ci sono solo tecniche ma anche storia, ricerche, ragioni, filosofia e principi. Una volta apprese queste cose, in un contesto che favorisce la condivisione e la sperimentazione libera, sarà possibile creare percorsi laboratoriali individuali dedicati al Caviardage nei luoghi in cui si opera.

Ai partecipanti verrà rilasciato attestato di partecipazione che autorizza l’esercizio delle tecniche del Metodo Caviardage apprese.

LUOGO

Il corso si terrà presso la Casa per ferie Sant’anna che ci ha già ospitato in passate edizioni.

DURATA DEL CORSO: tre giorni (24 ore)

Mattina  ore 9,00 – 13,00

Pomeriggio: ore 14,30 – 18,30

Il programma dettagliato giornaliero sarà inviato ai soli partecipanti

Si consiglia di indossare abiti comodi

COSTO: euro 330,00 (+iva) – materiali inclusi – coffe break incluso – Non sono inclusi i pasti del pranzo, vitto ed alloggio.

PRESENTAZIONE

L’offerta didattica si compone di diversi percorsi laboratoriali dedicati sia al Caviardage che alle tecniche di Found Poetry: Cut Up, Newspaper Blackout, etc. Queste tecniche innovative di scrittura creativa poetica si stanno diffondendo in Italia in scuole di ogni ordine e grado, a partire dalle prime classi della Scuola Primaria.
Il Seminario darà modo ai partecipanti di approfondire la conoscenza delle tecniche sia dal punto di vista teorico che pratico e fornirà le informazioni necessarie per poter proporre laboratori di Caviardage e Found Poetry a scuola, in associazioni, aterliers di arte e benessere, nelle librerie.
Lo spirito di fondo che animerà i laboratori è quello di promuovere l’esperienza diretta dell’attività didattica ed artistica per mezzo di attività concrete. I laboratori, diventeranno il luogo in cui si costruisce il sapere attraverso il fare: uno spazio dove sviluppare la capacità di osservare con gli occhi e con le mani, insieme.

CHI CONDUCE?

I laboratori saranno condotti da Tina Festa.
Nel seminario vi saranno i contributi di docenti, artisti e formatori certificati che hanno sperimentato ed utilizzano il Metodo Caviardage.

Posti limitati.

ISCRIZIONE:
Richiedi la scheda di iscrizione ed il questionario a: metodocaviardage@gmail.com

Si darà priorità alle domande di iscrizione tenendo conto dell’ordine di arrivo delle stesse.

2) Attendi la risposta di conferma con disponibilità del posto ed i moduli da compilare.

3) Paga l’anticipo di euro 65,00 tramite bonifico (i dati li troverai sul modulo di iscrizione) ed invia la copia del bonifico a metodocaviardage@gmail.com ATTENZIONE: se hai partita iva il versamento dell’anticipo deve avvenire dopo il mio invio della fattura!

PRE_ REQUISITI
– l’acquisto e lettura del libro Caviardage. Cercare la poesia nascosta Editore: Altrimedia
– aver fatto breve pratica delle tecniche presentate nel libro o aver preso parte ad un laboratorio con un formatore certificato in metdologia Caviardage

Per avere ulteriori informazioni non esitare a contattarci

TINA FESTA
metodocaviardage@gmail.com
3358185461 (ore 16 -20)

Segreteria :
ROSA SANTORO:
3925714892
metodocaviardage@gmail.com

DOVE ALLOGGIARE: è possibile alloggiare presso La Casa Sant’anna
http://www.santannamatera.it/

 

ARGOMENTI TRATTATI
– CHE COS’E’ IL CAVIARDAGE
– Origini del Metodo e filosofia di base.
– I MATERIALI.
-LA TECNICA BASE, con ESERCITAZIONI PRATICHE
-LA CANCELLATURA CREATIVA con ESERCITAZIONI PRATICHE
-IL CAVIARDAGE A SCUOLA CON ESPERIENZE DIRETTE.
-IL CAVIARDAGE TERAPEUTICO
-SCRITTURA ZEN – Flusso di coscienza e Cut-up
– CAVIARDAGE, FOUND POETRY E DIDATTICA.
– Essere formatori in metodologia Caviardage (conduzione di laboratori_ progettazione di eventi)

Cosa portare con te?

L’aula sarà dotata di banchi. A carta e penna provvederemo noi.
Porta:
il libro sul Metodo caviardage;
i lavori realizzati: non avere timore a mostrarli!
Considera che il corso è molto pratico e fa davvero la differenza poter svolgere esercitazioni insieme al chi ha creato il Metodo, pertando non avere timore di mostrare i tuoi lavori anche se incerti.;
una mente fresca e riposata
il desiderio di vivere una esperienza di Bellezza con altre persone

Mamma, ti guardo e penso che…

CUT UP E FLUSSO DI COSCIENZA

ATTIVITA’ DI SCRITTURA CREATIVA POETICA

PER LA FESTA DELLA MAMMA

 

Diversi anni fa ho utilizzato, in una classe della scuola Primaria, in prossimità della Festa della Mamma una tecnica appresa durante un corso di formazione in Teatroterapia. E’ un’attività che coniuga il cut-up con il flusso di coscienza. E’ una tecnica che ho utilizzato anche nella Scuola Media e con gli adulti ed ogni volta l’attività ha avuto dei risvolti soprendenti.

Ve la propongo oggi perchè è un modo diverso per creare una poesia dedicata alla mamma, una poesia che scaturisca da emozioni profonde e da pensieri non detti. (Per chi volesse saperne di più può far riferimento al Capitolo 12 “Flusso di coscienza e cut-up del mio libro sul Caviardage )
La tecnica del Cut–up con il flusso di coscienza dà la possibilità a tutti di attingere il materiale con il quale lavorare dalla grande ricchezza individuale e fa in modo che ogni persona, oltre a riconoscere il bello che c’è in se, riesca a dare forma artistica alla ‘voce interiore’.

MATERIALI NECESSARI:

una foto della mamma
fogli a righi larghi
una penna che scivoli bene sul foglio (ad esempio le penne gel)
forbici
colla
cartoncino colorato.

STRUMENTI NECESSARI:

musica di sottofondo

marzo 2010 005Ogni alunno sarà invitato ad osservare la foto della mamma ed a fare come indicato di seguito ma è bene che sappia sin dall’inizio che può essere libero di scrivere quello che desidera perchè nessuno leggerà il contenuto del suo scritto.

Accertatevi che le indicazioni siano ben chiare, in particolar modo lo scrivere a righi alternati, con una scrittura chiara, senza andare a capo e lasciandosi andare dal flusso di coscienza, in modo che voi non dobbiate avvicinarvi a controllare e che i ragazzi si sentano liberi di scrivere qualunque cosa passi per la loro mente-

(il testo che segue può essere letto dall’insegnante).

Abbiamo a disposizione un solo foglio e dobbiamo usarlo tutto, dal primo rigo sino all’ultimo MA scrivendo a righi alterni, con una calligrafia chiara e non troppo minuta e utilizzando un’unica facciata.
Scriviamo sul foglio al centro del primo rigo le parole MAMMA TI GUARDO E PENSO CHE, poi lasciamoci andare e scriviamo tutto quello che ci passa per la mente, seguendo e riportando il flusso della nostra coscienza sulla pagina, senza badare alla punteggiatura ed alla logica dei nostri pensieri e ricordandoci di lasciare SEMPRE un rigo vuoto.
Non è necessario rileggere il testo e non è importante che il testo sia corretto grammaticalmente, l’importante è invece abbandonarsi al flusso di pensieri e scrittura.
Ci fermeremo con la scrittura solo quando saremo arrivati a fine pagina.
Ogni volta che ci blocchiamo ripartiamo immediatamente dalla frase iniziale “MAMMA TI GUARDO E PENSO CHE…”  e riprendiamo la scrittura fluida che segue il pensiero. Non bisogna mai fermarsi a pensare cosa sia meglio scrivere perché qualunque cosa passa attraverso la nostra mente in questo momento va bene, è preziosa ed è degna di essere riportata sulla carta, anche se abbiamo in mente la lista della spesa o delle parole troppo forti, scriviamo! Nessuno leggerà e giudicherà il testo.
Quando terminiamo posiamo la penna, chiudiamo gli occhi (per attendere gli altri, se si lavora in gruppo) per rilassarci e facciamo un profondo respiro.
Prendiamo le forbici e tagliamo la pagina proprio al centro di ogni rigo vuoto fino ad ottenere tante striscioline di carta.
Prendiamo ogni striscia e la strappiamo con le mani o con le forbici, per due o tre volte, facendo attenzione a non troncare le parole e senza fare una scelta sul testo.
Mescoliamo tutti questi pezzettini di carta: questo sarà tutto il materiale che ci servirà per creare la poesia.
Cominciamo a comporre una poesia breve scegliendo tra tutte le parole quelle che ci servono senza però usare le parole di avvio.
In questo momento, a differenza di quello precedente, lavoriamo con maggiore consapevolezza in quanto dobbiamo dare un senso compiuto alla nostra poesia.
Mettiamo i pezzi che scegliamo su un foglio bianco o colorato, muoviamo le parti sul foglio per provare diverse soluzioni creative e solo quando abbiamo composto la poesia e l’abbiamo letta per diverse volte, attacchiamo le parti con la colla.
Possiamo scegliere un titolo tra le parole che abbiamo scartato, oppure scriverlo a mano in alto, al centro del foglio.

Se si lavora in gruppo a fine lavoro ci sarà il momento della condivisione.

DSCN5102

 

La poesia realizzata può essere donata alla mamma nel giorno della sua festa.