Ottobre, il mese in cui la natura si prepara ad accogliere il freddo dell’inverno, si spoglia e facendolo lascia dietro di sé dei colori spettacolari, passando dal verde dell’estate ai colori caldi dell’autunno.
Il calore, quello che ognuno di noi cerca. Il calore di un abbraccio, il calore di un sorriso, il calore delle parole. Parole a volte di conforto, a volte di incitamento ad andare avanti, parole che non riserviamo mai a noi stessi, troppo presi dal quotidiano che ci soffoca, da una vita piena a volte di cose e non di ascolto.
L’ascolto è quello che ci dobbiamo regalare, ascoltare noi stessi prima di ascoltare chi abbiamo intorno.
Due anni fa ero in un momento in cui sentivo il bisogno di ascoltarmi e ho partecipato ad alcuni laboratori dove abbiamo dato voce al nostro sentito, scoprendo un modo per far emergere ciò che portavo dentro, il mio sentito inascoltato.
Parole emergevano da un testo scelto a caso fra tanti, un testo altro, scritto non aveva importanza da chi. Parole, solo alcune, che assumevano un significato diverso, che mi occorrevano per scrivere di me. Parole che descrivevano il mio momento, ciò che stavo vivendo e in quelle parole mi sono ritrovata.
Durante uno di questi laboratori c’è stato il mio primo casuale incontro con il Metodo Caviardage di Tina Festa®, qui è iniziata la mia ricerca per saperne di più: ho capito che quella era una via per dare a chiunque la possibilità di contattarsi, così come era successo a me. Perciò non mi sono accontentata di utilizzarlo per il mio ben-essere ma ho voluto approfondire fino a diventare formatrice e ora posso diffonderlo a mia volta.
Quello che ho imparato è che davvero spesso noi, pur così vicini alla nostra anima, ne siamo lontanissimi… Il Metodo Caviardage di Tina Festa® fa emergere ciò che abbiamo dentro, le nostre emozioni.
Nei miei laboratori mi propongo di seminare la bellezza e aiutare gli altri a farlo, contaminandoli e guidandoli nella ricerca della strada per arrivare ad ascoltare loro stessi.
La mia guida permette, attraverso il Metodo, di lasciar andare la parte razionale e farsi guidare dal cuore nella ricerca delle proprie parole in un testo che qualcun altro ha già scritto, senza la preoccupazione di dover riempire un foglio bianco, si leggeranno le parole in modo veloce senza dover capire il senso del testo nel suo insieme, si sceglieranno solo le parole “sentite” che ci risuonano in quel momento, che in qualche modo ci riguardano, ci rappresentano. Quelle parole scelte verranno usate per creare piccoli capolavori che saranno le nostre Poesie del Cuore, i messaggi che ci arrivano dalla nostra anima e che abbiamo il compito di ascoltare.
Quindi, per concludere, accogliamo l’autunno, prepariamoci all’inverno e regaliamoci la possibilità di ascoltarci.

A novembre partirà un ciclo di tre laboratori al Centro Culturale Il Pertini di Cinisello Balsamo www.ilpertini.it, per iscrizioni scrivete a: ilpertini@comune.cinisello-balsamo.mi.it

Condividi